bonsai-torino

delbac-bonsai-pino

Forte e fiero, con il suo caratteristico fogliame aghiforme e la corteccia dall’aspetto vissuto.

E’ una specie arborea particolarmente resistente, in grado di vivere anche in condizioni estreme.

Le cure necessarie a questa essenza sono davvero minime: il rinvaso va effettuato ogni 3 anni, va potato con parsimonia e, soprattutto, va annaffiato solo quando il terreno è veramente asciutto. Non è certo un bonsai che soffre per crisi di abbandono, semmai, il pericolo per lui è rappresentato dal bonsaista ansioso, che potrebbe danneggiarlo irrimediabilmente con l’eccesso di attenzioni.
ESPOSIZIONE
Essendo una conifera predilige gli spazi all’aperto.
In primavera ed estate ama il sole. In inverno bisogna proteggere il vaso dalle gelate.

ANNAFFIATURA
E’ necessario aspettare che il terriccio sia asciutto prima di procedere all’innaffiatura. Mentre sono consigliate le nebulizzazioni sulla chioma, specie durante la stagione estiva.

RINVASO
Il rinvaso del Pino va eseguito ogni 3 anni da novembre a marzo.